Stadio della Roma, sopralluogo dei cittadini nell’area di Tor di Valle

12170510_10208004628183251_1944238568_n

Claudio Vercelli, Direttore generale di Geores, conferma le caratteristiche geologiche e geotecniche del sottosuolo nell’area che ospiterà il nuovo stadio della Roma durante il sopralluogo cittadino organizzato questa mattina dall’Osservatorio di Tor di Valle in collaborazione con l’assessorato alla Trasformazione urbana.

Sono state verificate tutte le aree dove verranno realizzate tutte le opere, dalle aree dove verrà edificato dai privati, fino alle parti adiacenti riservate alle mobilità pedonale e stradale (…) abbiamo trovato una situazione migliore di quella che ci aspettavamo. La condizione del sottosuolo è migliore in alcuni punti dove metteremo le opere come il ponte pedonale” – afferma il Dott. Vercelli.

“Da un punto di vista dell’acqua nel sottosuolo noi monitoriamo di continuo la falda sia in periodi di secca sia di pioggia. L’acqua non è a due metri dal sottosuolo. Non è una falda continua, non è una presenza di acqua continua e si trova nel livello di assestamento, 5-6 metri di profondità, in tutta l’area. Invece per i primi strati del terreno, è chiaro che è un terreno in un’area dove sono presenti 4 corsi d’acqua e sono terreni fini e la penetrazione è lenta. Non ha rischio di allagamento, poi è chiaro che c’è una capacità di assorbimento ridotta visto i fiumi. Questo progetto migliorerà questa condizione. (…) Abbiamo fatto una quantità di indagini sismiche e geotecnche fuori dal comune. Sono oltre a quello che prevede il progetto” - conclude il Direttore generale di Geores.

Presenti sul luogo, oltre a una quarantina di visitatori, anche i comitati del IX Municipio di Roma, quelli di Torrino e Decima e i rappresentanti della Lendlease e Parsitalia. I partecipanti hanno potuto visionare le aree in cui sono state svolte le indagini geologiche e costatare le condizioni attuali della zona, concentrandosi sulla vecchia stalla dell’ippodromo e la struttura principale dell’ex impianto.

 

Posted on 22 ottobre 2015 in Articoli, News

Share the Story

About the Author

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Back to Top