Indagini geotecniche per il nuovo stadio della Roma

c3

Geores, una delle principali società italiane in servizi di geologia e di geotecnica, ha dato il via alle perforazioni del sottosuolo nel luogo in cui verranno eretti in nuovo stadio della Roma e l’adiacente business park, segnando così, il primo passo fondamentale per la realizzazione del progetto. A Tor di Valle, un team specializzato con una apposita trivella sta effettuando i carotaggi di materiale da esaminare per analizzare e comprendere la composizione del sottosuolo.

“La conoscenza del sottosuolo è assolutamente indispensabile e necessaria alla realizzazione di un’opera civile così importante come uno stadio” – afferma Claudio Vercelli, Direttore Generale della Geores. “Conoscere il sottosuolo significa conoscere le caratteristiche del sito dove verrà realizzata l’opera. In funzione delle caratteristiche che stiamo indagando attraverso le prime perforazioni daremo i parametri corretti agli ingegneri strutturisti che dovranno progettare e dimensionare l’opera, in questo caso le strutture che sorreggeranno lo stadio”.

I carotaggi sul terreno dureranno poco più di trenta giorni. Le indagini si sposteranno, in seguito, in laboratorio, dove si analizzeranno in profondità e con cura le caratteristiche del territorio del nuovo stadio della Roma.

“Dalle analisi ci aspettiamo la presenza di un terreno che sarà certamente idoneo alla costruzione dello stadio. Lo conosciamo, lo abbiamo già indagato negli anni scorsi direttamente su questo sito e nei siti limitrofi, quindi ne conosciamo le caratteristiche geologiche e geotecniche. Noi qui abbiamo il compito soprattutto di ottenere dei dati da inserire nei calcoli di dimensionamento delle strutture. (…) Ho visto i primi dati architettonici dello stadio. Sarà una struttura molto bella, da un punto di vista estetico e da un punto di vista funzionale. E poi non sarà solo uno stadio. Intorno alla struttura principale ce ne saranno altre accessorie, con destinazioni varie” – conclude Vercelli.

Le indagini geotecniche sono essenziali in progetti di queste dimensioni e proseguiranno in loco per le prossime tre settimane, dimostrando i passi avanti che sono stati fatti attorno allo sviluppo e alla costruzione di uno degli stadi di calcio più attesi a livello globale.

Posted on 15 aprile 2015 in Articoli, Eventi, News, Notizie

Share the Story

About the Author

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Back to Top